BILANCIO DI PREVISIONE 2105: LA GIUNTA COMUNALE ORGANIZZA INCONTRI CON LA CITTADINANZA A POCHI GIORNI DALL’APPROVAZIONE IN CONSIGLIO

UNA FOGLIA DI FICO CHE NASCONDE LA VIOLAZIONE DEL REGOLAMENTO COMUNALE (SUGLI ISTITUTI DI PARTECIPAZIONE) CHE PRESCRIVEVA L’ORGANIZZAZIONE DEGLI INCONTRI NEI MESI PRECEDENTI

Con l’arrivo dell’estate spunta una strana vegetazione, nel Comune di Scandiano: la foglia di fico. Davvero fico! A pochi giorni dall’approvazione, in consiglio, del bilancio di previsione 2015, la giunta comunale organizza una serie di incontri con la cittadinanza, “per condividere le scelte, i contenuti e gli indirizzi”; così leggiamo sulla stampa, così come a suo tempo si potevano leggere – nei programmi della maggioranza di centrosinistra – propositi come il dare “la possibilità ai cittadini di decidere direttamente la destinazione di una quota di bilancio comunale”.
I conti tornano? Destinare la quota di un bilancio già licenziato dalla giunta, già stampato e già approvato del collegio dei revisori? Dal comunicato stampa diffuso dall’amministrazione deduciamo che l’ultimo incontro con i cittadini è stato organizzato per lunedì 8 giugno; mentre il consiglio comunale che sarà chiamato ad approvare il bilancio dovrebbe svolgersi giovedì 11 giugno. Per dare un’idea: se un gruppo consiliare volesse presentare un emendamento, dovrebbe farlo (per dare modo al collegio dei revisori di valutarne preventivamente l’ammissibilità) entro cinque giorni dalla data del consiglio. Davvero fico!
Già, una vera foglia di fico per occultare la violazione del Regolamento Comunale sugli Istituti di Partecipazione, che all’articolo 3 (Bilancio Partecipato) così recita: “L’Amministrazione comunale, nei mesi antecedenti l’approvazione del bilancio di previsione, organizza e attiva percorsi partecipativi aperti ai cittadini, in forma di pubblica assemblea e anche attraverso altri strumenti, con lo scopo di favorire la partecipazione dei cittadini alla formazione del bilancio di previsione del Comune”.
Questi percorsi partecipativi, nei mesi scorsi, l’amministrazione non li ha mai organizzati, come ammesso anche dal sindaco Mammi in sede di commissione. Fichisssimo, vero? E come è indicativa, questa differenza fra mesi precedenti e giorni precedenti! Più o meno come quella fra bilancio di partecipazione e bilancio di propaganda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *