L’allentamento del senso civico, specialmente tra i più giovani, ma non solo, ha raggiunto livelli preoccupanti di maleducazione, incuria e noncuranza; le radici di questo comportamento si potrebbero ricercare nell’abbandono delle materie in tema di educazione civica nei programmi scolastici come pure nel progressivo allentamento della tensione educativa all’interno della famiglia e non ultimo nel nefasto esempio che una classe politica vergognosa ha lasciato negli ultimi trent’anni.

Il monte evangelo, più comunemente definito dagli scandianese Monte delle tre croci, è un punto panoramico davvero straordinario, un balcone sulla pianura padana da cui nelle giornate più terse il nostro sguardo giunge alle Prealpi e ancora più in là. Questo luogo da sempre meta di piccole compagnie di amici con birre e patatine al seguito, ma frequentato pure da famigliole, bikers e motociclisti, negli ultimi tempi ha assunto l’aspetto di una discarica a cielo aperto. Se andiamo in questi luoghi, significa che ci piacciono o, come per chi scrive, sono proprio parte delle mostre radici e testimoni della nostra gioventù… Quindi cosa ci costa, se passiamo qualche ora nella natura, riportarci via quei pochi rifiuti, o ancora meglio raccogliere, per dare l’esempio, quelli che ha lasciato chi vi è stato prima di noi? Lo stupidario di certa gente, contempla pure l’abitudine di spaccare le bottiglie lasciando cocci di vetro acuminati e taglienti pericolosissimi sia per i bambini che per la fauna selvatica.

È convinzione comune che, trovando un luogo sporco, tanti si sentono in diritto di continuare a sporcarlo e va da sé che singoli attivisti o gruppi organizzati del M5S vanno periodicamente sulla nostra collina a ripulire meticolosamente i luoghi che gli osservatori di Lune Nere e di stelle cadenti sbadati, o proprio zotici, avevano lasciato in condizioni penose.

Pare però che trovare pulito non costituisca un freno inibitorio valido, dato che a distanza di una settimana dall’ultima pulizia, abbiamo potuto riempire quattro grandi sacchi neri di rifiuti divisi e differenziati.

Urge per questi luoghi un presidio continuo, svolto dall’amministrazione comunale che dovrebbe dotarli di appositi contenitori differenziati e dovrebbe provvedere anche allo svuotamento settimanale, ma pure da tutti i cittadini con senso civico che abbiano il coraggio di riprendere i comportamenti scorretti e la buona volontà di raccogliere e mettere nei contenitori ciò che trovano per terra.

Ci sono arrivate da parte di altre associazioni ambientaliste, petulanti critiche, del tenore: ” il volontariato va fatto e basta, senza intestarlo ad un partito o movimento politico”.

A costoro rispondiamo orgogliosi, che il MoVimento 5 Stelle È un gruppo di volontariato e per noi la lotta al degrado dei costumi politici, sociali ed ambientali è una ragione costitutiva e una Mission imprescindibile. Insomma una battaglia da combattere ogni giorno con tutte le nostre forze.

Ringraziamo anticipatamente e auguriamo una buona giornata.

Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *